La più importante risorsa per un’azienda?

Share This Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Siamo tutti d’accordo. Il passaparola positivo è ancora l’anima del commercio.

Ma ti sei mai chiesto cosa accade quando il giudizio che viaggia attraverso il passaparola è negativo?

E’ stato dimostrato che le persone sono più propense a condividere una delusione piuttosto che una soddisfazione. Dalle statistiche risulta che un commento negativo si diffonde sette volte di più di uno positivo.

Esempio:
Un cliente soddisfatto racconterà la sua esperienza a 3 persone, mentre uno insoddisfatto racconterà la sua critica a 10 persone.

Quindi cosa dovresti fare per assicurarti che il passaparola sia solo positivo?

La risposta è semplice, ma non facile da applicare:

Cura in ogni singolo dettaglio il prodotto che offri.

NB: Non fare l’errore di valutare come “prodotto” il solo oggetto/servizio della vendita!

Ecco alcuni suggerimenti per migliorare il tuo “prodotto” (che approfondiremo in futuro):

  • Qualità: La scarsa qualità renderà il tuo cliente insoddisfatto
  • Approccio/Accoglienza: Hai 20 secondi per far sentire il tuo cliente a suo agio
  • Cortesia: Renditi disponibile, in ogni momento e in ogni modo per migliorare l’esperienza di acquisto
  • Assistenza: “Il cliente ha sempre ragione” sembra una banalità, ma cerca di soddisfare ogni sua esigenza sempre e comunque!

Quindi tornando a noi…
Cosa bisogna valutare per incentivare il passaparola positivo?

Ecco 3 suggerimenti che puoi applicare da subito:

  1. COINVOLGI SEMPRE I TUOI CLIENTI
    Richiedi feedback, migliorie e suggerimenti.
    Offri informazioni utili, degli sconti o dei test.
    Fai delle dimostrazioni dei prodotti, spiega sempre vantaggi e svantaggi dei tuoi prodotti e servizi.
  2. INCENTIVA I “TESTIMONIAL”
    Chiedi ai tuoi clienti fidelizzati di creare recensioni o commenti per parlare bene di te.
    Chiedi sempre il loro punto di vista e non forzare mai la mano, i feedback devono sempre essere spontanei affinché i lettori si sentano sicuri.
    Se pubblichi foto, chiedi sempre prima il permesso per taggarli nelle foto o nel testo.
  3. DAI VALORE AI “NON CLIENTI”
    Io parto sempre dal presupposto che i clienti possono dividersi tra soddisfatti, delusi e neutri.
    Non concentrare le tue risorse sempre e solo sui fidelizzati e sui delusi, perché il numero più grande è proprio quella tipologia di utente che magari si trova bene con i tuoi modi di fare e con i tuoi prodotti/servizi, ma non è ancora fidelizzato.
    Concentrati anche su di loro!

NB: Ricorda che dipendenti, amici o fornitori sono tutte persone che possono parlare di te e contribuire alla tua crescita!

Spero che il mio contributo ti sia stato utile!

Subscribe To Our Newsletter

Get updates and learn from the best

More To Explore

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi