Il sito web è morto

Share This Post

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Da quando internet è diventato alla portata di tutti la prima cosa che facciamo quando incontriamo qualcuno è cercarlo sui social, la stessa cosa avviene per le aziende: andiamo a cercare la loro pagina, i contenuti che pubblicano e poi il loro sito.

Ho incontrato tanti imprenditori nel mio lavoro e una gran parte di loro mi dice “facciamo un bel sito, mettiamoci tutto” oppure “facciamo una cosa minimale, voglio incuriosire”, ma anche il classico “e se facessimo un e-commerce?”.

Queste richieste (giustificate) nascono da un contesto che da sempre spinge a fare tantissimo pur di farsi notare: più canali occupi, più ti noteranno…

Fai un sito, pubblica su Facebook, crea un profilo su Instagram, carica i video su Youtube…

“Negli anni ho capito che fare tutto in ogni caso, non porta effettivamente più clienti!”

Ecco altre frasi ricorrenti che sento quando chiedo perché si vuole fare un sito:

  1. “Lo fanno tutti”. Un classico. Lo fa anche Coca Cola. Quindi?
    Davvero un colosso come Coca Cola può diventare un metro di paragone per le tue attività di promozione?
  2. “Voglio farmi conoscere”. Giustissimo.
    Ma fare un sito web non è sinonimo immediato di promozione, di pubblicità efficace. Una volta costruito il Sito Web della tua azienda, chi porterà i tuoi potenziali clienti a leggere le pagine del tuo sito?
  3. “Voglio vendere tutto”. E se fosse confusionario?
    E se invece iniziassi solo concentrandoti sui prodotti che vendi bene offline?
  4. “Voglio un sito più bello”. Nessuno vuole un sito brutto.
    Ma l’aspetto, anche se importante, non è sufficiente a far funzionare un sito. Meglio un sito bello oppure un sito che genera nuovi clienti?

DOMANDA: “Ma allora il sito è inutile?”
RISPOSTA: “No, il sito non è inutile!”

Lo diventa se:

  • Non è indicizzato bene, quindi chi ti cerca non ti trova.
  • Non è aggiornato, quindi ti fa sembrare trascurato e indifferente.
  • Non è facilmente navigabile, quindi non invoglia a proseguire.
  • Non è adatto alla navigazione mobile, quindi perdi l’80% di contatti.
  • Non genera traffico e non riceve traffico, quindi non porta clienti.

Ma soprattutto un sito è inutile se non è parte di un Percorso di Acquisizione Clienti.

Mi spiego meglio:

Il sito web in sé non è una cattiva idea.
Lo diventa se non è parte integrante di una strategia di promozione che ti permette di acquisire clienti, allora stai per perdere tempo e denaro.

Soprattutto per le aziende che operano a livello geo-localizzato.

Supponiamo che tu abbia un negozio di abbigliamento e relativo e-commerce.
Se scrivo su Google “abbigliamento online” tra i primi risultati trovo i siti di Zalando, Asos e Zara.
Capisci subito che è una battaglia persa in partenza.
Il fatto è che ovviamente non puoi misurarti con colossi del genere.
Quindi dovresti rinunciare a vendere o a promuoverti online?

Assolutamente no!

Asos, Zara, Zalando hanno la forza del brand… e tanto, tanto budget da investire dove serve!

Tu invece dovresti iniziare con le attività che ti permettono di vedere ritorni nel più breve tempo possibile.
Ad esempio creare un e-commerce con tutti i tuoi prodotti può essere molto costoso e, in più, solo una volta che il sito sarà online saprai se i clienti sono effettivamente disposti a comprare i tuoi prodotti sul web… se non lo fossero?

“Una pagina Instagram, invece, non ti costa nulla.”

Naturalmente questo è solo un piccolo esempio. In realtà non esistono attività che devi fare per forza, ma non c’è una regola fissa.

Puoi partire dal sito, partire dai social, puoi persino partire da attività offline!

Da dove parto quindi?

Provo a riassumerti gli step su cui devi concentrarti per definire il tuo percorso di acquisizione clienti:

  • Definisci il tuo cliente “tipo”: quali sono i suoi bisogni e le sue necessità? Quali le paure? Quando hai la risposta a queste domande è molto più semplice creare un prodotto su misura.
  • Individua i canali che frequenta: social, motori di ricerca… Devi fare in modo di essere presente nel posto giusto e nel modo giusto.
  • Invoglia l’utente a seguire il tuo percorso: le proposte online sono tantissime, cosa puoi fare per attirare il loro interesse? Puoi fornire consigli, informazioni, contenuti utili. Fornisci valore piuttosto che provare a vendere qualcosa a tutti i costi.
  • Nutri il suo interesse: i clienti non sono pesci da far abboccare, non basta lanciare l’amo. Devi fare in modo che l’interesse nei tuoi confronti sia sempre vivo, questo li porterà a considerarti sempre come prima opzione.
  • Portalo nelle tue pagine web: dopo un percorso strutturato in questa maniera il cliente è pronto a visitare il tuo sito web… e a comprare!

Come puoi vedere, il sito web non è inutile, ma è fondamentale che sia integrato in un percorso di acquisizione clienti.
Il sito rappresenta l’ingranaggio di un sistema molto più ampio e complesso che porta i suoi frutti solo quando tutte le sue parti funzionano insieme.

Sicuramente è un percorso più lungo e più complesso da seguire, ma i risultati che porta sono migliori sotto tutti i punti di vista: gli utenti che sono diventati clienti, sono persone realmente interessate a te e al tuo prodotto, non lo hanno trovato per caso o lo hanno acquistato per noia.

Puoi scegliere di limitarti a creare un sito, metterlo online e aspettare che funzioni, oppure lavorare in prima linea ogni giorno per creare un percorso che porti risultati concreti e validi nel lungo periodo.

Subscribe To Our Newsletter

Get updates and learn from the best

More To Explore

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi